Home > Guide generali > Differenze tra sconto commerciale, sconto mercantile e sconto interessi

Differenze tra sconto commerciale, sconto mercantile e sconto interessi

Il vocabolario italiano è colmo di termini polivalenti, che dietro al semplice e a volte banale utilizzo quotidiano nascondono sfumature a volte sottili ma rilevanti. Spesso a partire un unico termine vengono coniate locuzioni caratterizzate da significati intrensicamente diversi. Ciò accade tanto nel linguaggio comune, quanto in linguaggi settoriali come ad esempio quello economico e proprio in questo campo la semplice parola sconto abbraccia differenti campi semantici. Perciò a seconda del contesto a cui si fa riferimento è necessario conoscere ed utilizzare la giusta espressione: sconto commerciale, mercantile o interessi? Scopriamo quando è opportuno utilizzare ciascuna di queste locuzioni.

Sconto Mercantile

Nella vita di tutti i giorni siamo soliti riferirci ad acquisti particolarmente vantaggiosi utilizzando il termine offerta o promozione. In ambito economico la riduzione di prezzo che scaturisce dal venditore a beneficio dell’acquirente viene invece definita con l’espressione di sconto mercantile. Simili occasioni volte a spingere i clienti verso la scelta più vantaggiosa sono spesso sotto gli occhi di tutti noi tanto al supermercato quanto nel caso di acquisti all’ingrosso. Lo sconto mercantile a seconda dei casi può essere in natura o in denaro. Nel primo caso si fa riferimento alla consegna di merce aggiuntiva rispetto a quella realmente pagata. Un esempio? Offerte del tipo “acquisti tre e paghi due” oppure “ogni dieci prodotti comprati ne ricevi uno in omaggio” sono da considerarsi sconti mercantili in natura. Quando invece uno o più prodotti presentano un prezzo effettivamente ribassato rispetto al prezzo da listino, si parla di sconto mercantile in denaro, in quanto il vantaggio deriva da un risparmio concreto nel conto finale espresso nella maggior parte dei casi in percentuale.

Sconto Commerciale

Nel caso in cui un individuo (o una società) sia in grado di estinguere un debito prima dello scadere del tempo prestabilito ha diritto ad un compenso, definito appunto come sconto commerciale. Esso fondamentalmente consiste in una riduzione della somma da pagare e a differenza dello sconto mercantile, dipende strettamente dal fattore tempo. Quest’ultimo può essere espresso in giorni, mesi o anni e, proprio a seconda dell’arco temporale si avrà un determinato sconto commerciale che come nel precedente caso viene spesso espresso in percentuale.

Sconto Interessi

Per la maggior parte delle persone prima o poi arriva il tanto atteso momento dell’acquisto di una casa. All’emozione delle visite ai diversi immobili per molti segue l’ansia della richiesta di un mutuo in banca, che permette di ammortizzare le spese in diversi anni (spesso quasi in un’intera vita!). Tutto è descritto nel dettaglio nel piano di ammortamento in base al quale oltre a prendere visione delle scadenze delle singole rate, è possibile anche verificare quanto di ciascuna quota sia costituita da interessi e quanto da capitale. Cosa succede però nel caso in cui si riesca ad anticipare il saldo dovuto? In simili casi ci si trova di fronte al cosiddetto Sconto Interessi che rappresenta semplicemente il risparmio ottenuto dal rimborso anticipato degli interessi oltre che del capitale di cui sono composte le rate di un mutuo.

Lascia un commento